domenica 7 giugno 2015

ORTO SINERGICO ENTELEKIA 2015 - 3° capitolo - LA BELLA STAGIONE (maggio)



La pioggia cade abbondante

e la prosperosa vita continua


ad un'estremità del bancale, la borragine spontanea
nata dai semi sparsi dalla pianta di anno scorso (spontanea anch'essa)

all'altra estremità, le spontanee patate
nate dalle bucce che avevamo aggiunto al pacciame



da un'estremità all'altra
 la sinergia tra gli abitanti del suolo



fave, pomodori, carote, bietole, agli, cipolle, okra, fagioli, un cavolo e le erbe spontanee prosperano assieme


il rimedio pacifico per proteggere il cuore delle piante dal rosicchiare delle arvicole sembra funzionare:

una gabbietta di rete metallica interrata nel bancale, con dentro la carota da lasciar andare a seme


quest'anno è il turno della carota bianca svizzera 'kuttingen'

mentre ai piedi del bancale corre la mora del gelso


tra questo bancale e l'orto sulla strada c'è un breve percorso in cui prosperano l'artemisia e le patate viola peruviane




sfogliando l'introduzione alla permacultura di bill mollison, che mi ha prestato un amico, leggo il passaggio in cui dice 'valorizza il margine'


così piantumo lungo il margine confinante con il lato nord dell'orto sulla strada,
dove si trovano il gelsomino e l'acero


presenziano gli esperimenti di semina sinergica pomodoro-basilico e le luffe ricevute da Raffaella, Daniela e Umberto con cui ho avuto l'onore di scambiare i semi




per motivi ancora da identificare pienamente, alcune gilde pomodoro-basilico vanno a rilento mentre altre sono ben piazzate, visibilmente pronte al balzo quantico



è il caso del basilico mammut consociato con il pomodoro antico di lucia, ricevuto da Alessandro in uno scambio semi


oltre il margine, la ruta fiorisce nei bancali dell'orto entelekiko



l'agricoltura sinergica è alla portata di tutti,
ed è un privilegio poter praticarla

poiché ci si può scrollare di dosso il 'peso di responsabilità'
diventando per la prima volta responsabili delle proprie azioni e responsabili della salute della terra

dando spazio al miracolo


uno dei miracoli che ricordo dall'anno scorso è la cucurbita pepo tonda di nizza, rinata dalle ceneri della peronospera


i cui semi hanno generato piante che conoscono ora la vita sui bancali, in mezzo all'amaranto elephant head e la bietola charlotte



tra la fragolina di bosco e la perilla fruttescens




e in tutto l'orto trionfano i cavolfiori romaneschi
intenti a produrre del seme



mi rendo sempre più conto dell'importanza della salvaguardia dei semi, riportandoli alla vita anno dopo anno


una componente inscindibile con l'agricoltura sinergica evolutiva


"cho tutti i piselli coi fiori bianchi e m'è spuntato un pisello col fiore viola, troppo psichedelico" cit La Storia di Mattia



quest'anno cerchiamo di riprodurre una varietà antica di pisello rampicante molto alto,
ricevuto in dono da un contadino della zona



tra un'alluvione e l'altra il sole è forte

sprazzi della calda bella stagione


tutto va in fiore, dalla salvia sclarea alla scorzobianca


dalla cipolla alla bietola alla cardiaca



la bietola, fonte di tante buone foglie che ci han sfamato tante volte



stavolta è oggetto di un dramma che inizia un pomeriggio in cui un signore che lavora per una ditta di semi viene a bussare alla mia porta


mi dice di togliere le bietole dall'orto che fiorendo contemporaneamente al loro campo poco distante potrei 'inquinargli' le loro varietà elette


dopo varie consulenze incrociate salta fuori che non ci sono leggi che tutelano i singoli contadini, bensì la legge è dura con chi si mette in mezzo alla traiettoria di queste multinazionali



obbligatorio rimuovere le bietole, nell'ordine:
charlotte, crapaudine, rainbow


ma la prosperosa vita continua

e l'abbondante pioggia ritorna